lunedì 27 maggio 2013

Dati AGCom febbraio 2013

Valutazione post: 
Logo dell'AGCom

Febbraio 2013 è stato il mese delle elezioni politiche, un appuntamento di importanza fondamentale nella storia politica del Paese, che ha sancito la fine del bipolarismo della II Repubblica, la rinascita politica di un Berluscoi che pareva avviato al tramonto, la ditruzione delle ambizioni di governo del centrosinistra e l'affermazione come forza di primo piano del MoVimento 5 Stelle.
Analizzare il ruolo dei media, ed in particolar modo dei telegiornali, è quindi indispensabile per comprendere in che modo il mezzo di informazione televisivo è correlato con quelli che poi si sono rivelati essere i rapporti di forza elettorali.

I dati di febbraio 2013, pubblicati dall'AGCom spezzati per settimana (Parte I - Parte II - Parte III) coprono in realtà solo la parte del mese precedente alle elezioni; se quindi i dati non possono essere considerati validi per lo studio completo del mese, sono in effetti ancora più interessanti, in quanto danno evidenza del periodo elettorale, proprio quello più rilevante ai fini di scoprire l'impatto dei media sull'opinione pubblica ai fini del voto.

Dati AGCom febbraio 2013

Dati AGCom 2013 aggregati per mese

Le ore di informazione politica nel mese di febbraio 2013 precedenti all'appuntamento elettorale sono state 250 circa, un valore alto considerato che si sta parlando di appena tre settimane, ma in proporzione più basso rispetto a quello del mese precedente. Pesa indubbiamente a questo proposisto il divieto di pubblicazione dei sondaggi nelle due settimane precedenti le elezioni, sicuramente uno dei volani principali dell'informazione politica nei telegiornali.
Rispetto al mese di gennaio la situazione non subisce radicali mutamenti, se non un ulteriore accentramento dell'informazione politica verso le tre principali formazioni politiche - almeno secondo gli standard della vigilia: se infatti nel mese precedente la somma di PdL, PD e SC si attestava al 60% del tempo complessivo, ora arriva a superare il 62%.
All'interno di questo blocco, tuttavia, si assiste ad un lieve calo del PdL di circa lo 0,5% e aumenti per SC e PD di circa l'1,5% ciascuno.
Il PdL resta abbondantamente prima formazione con il 25% del tempo complessivo, pari a 62 ore dedicate; il PD sfonda quota 20% a 50 ore mentre SC si attesta poco sotto al 18% con 44 ore. Una differenza, pur in attenuazione rispetto a gennaio, comunque molto netta in favore della formazione berlusconiana.
Tra le altre formazioni spicca la netta risalita del M5S, che pur attestandosi su valori molto bassi rispetto ai risultati elettorali, mostra tra gennaio e febbraio una salita mediatica di oltre il 3%, l'incremento più forte di tutto l'arco politico.
A fare le spese di questo accentramento sono tutte le formazioni minori, dalla Lega Nord (-2%), a SEL (-1%), a RC (-1%), all'UdC (-1%). Si deve infatti notare che i trend positivi sono associati quei partiti che, all'interno della propria coalizione, esprimono il candidato alla Presidenza del Consiglio o quantomeno il leader del cartello elettorale, a maggiore riprova di quel fenomeno di personalizzazione della politica di cui sono affette le competizioni elettorali degli ultimi anni.

Dati AGCom febbraio 2013 aggregati per
area politico-culturale

Dati AGCom 2013 aggregati per
area politico-culturale

Spostando il focus dell'analisi a livello di coalizione, si nota come solo centrosinistra e MoVimento 5 Stelle presentino trend di crescita, che portano ad un parziale riequilibrio dell'informazione rispetto al mese precedente.
I gap restano comunque, pur in calo, molto elevati: il centrodestra mantiene un +7% sul centrosinistra, mentre il M5S malgrado la violenta crescita non riesce a raggiungere neppure la doppia cifra.
I telegiornali italiani, malgrado la presenza della par condicio, restano sempre e comunque sbilanciati a destra, ed in una maniera molto più violenta rispetto ad analoghi periodi legati alle elezioni amministrative.

Passando al dettaglio dei singoli telegiornali, emerge come il centrodestra abbia i propri picchi di predominio su MTV News e su TGLa7. Il centro montiano spicca invece su TG1 e MTV News mentre il centrosinsitra di Bersani a i propri massimi addirittura su Studio Aperto e TG4. Il MoVimento 5 Stelle, infine, ottiene le proprie migliori prestazioni su TGCOM e Sky TG 24.
Da notare il centrodestra è abbondantemente prima coalizione in tutte le testate, con margini compresi tra il 2% ed il 17%; particolarmente interessante è il fatto che le differenze sono minori nei TG Mediaset - il minimo si tocca a Studio Aperto - e massime in quelli Telecom.

Dati AGCom febbraio 2013 aggregati per
Istituzioni - Maggioranza - Opposizione

Dati AGCom 2013 aggergati per
Istituzioni - Maggioranza - Opposizione

Con l'avvicinarsi dell'appuntamento elettorale, si nota un ulteriore assottigliamento della componente istituzionale del tempo politico, che scende da già esiguo 11% di gennaio ad appena il 9%.
Per quanto riguarda la divisione tra maggioranza e opposizione, intese in riferimento al Governo Letta, si nota un lievissimo ma del tutto insufficiente riequilibrio, con la maggioranza che scende dal 69% al 68% e l'opposizione che sale dal 20% al 22%.

Dall'analisi di questo secondo mese del 2013 permane l'evidenza di uno scenario televisivo in cui il centrodestra risulta egemone. Sebbene vi sia stato un leggero ridimensionamento dello squilibrio politico rispetto al mese di gennaio, la differenza tra le forze in campo risulta eccessiva considerato il periodo elettorale, in cui le regole della par condicio risultano essere massimamente stringenti.
La televisione ha comunque continuato a riproporre il trialismo CDX-CX-CSX lasciando al MoVimento 5 Stelle, pur in forte crescita, solo le briciole, dimostrando di aver completamente fallito le proprie previsioni elettorali.
Resta in ogni caso la sensazione di una TV italiana, nel suo complesso, ancora e sempre ostaggio di Silvio Berlusconi.

mercoledì 8 maggio 2013

Dati AGCom gennaio 2013

Valutazione post: 
Logo dell'AGCom

Con la formazione del governo e la stabilizzazione degli assetti politici seguita alle elezioni di febbraio, è possibile ripercorrere l'andamento della campagna elettorale e delle convulse fasi successive attraverso gli occhi delle televisioni, analizzando lo spazio che ciascuna testata telegiornalistica ha dedicato alle varie formzioni politiche.

I dati di gennaio 2013, pubblicati dall'AGCom spezzati per settimana (Parte I - Parte II - Parte III - Parte IV - Parte V) sono stati quindi raggruppati per offire uno spaccato del mese nella sua interezza, valutando quindi in un colpo solo l'evoluzione dell'attenzione offerta da ciascun telegiornale ai vari contendenti.

Le aggregazioni per area politica che accompagnano l'analisi sono state effettuate conteggiando ciascun partito nel rispetto della propria coalizione di collocamento, quindi con cinque aree principali (Centrodestra, Scelta Civica, Italia Bene Comune, Rivoluzione Civile, MoVimento 5 Stelle) ed una sezione residua; i raggruppamenti legati al posizionamento politico sono invece stati effettuati con un'analisi a posteriori, ovvero assegnando il valore relativo all'appoggio o meno al Governo Letta.

Dati AGCom gennaio 2013

Dati AGCom 2013 aggregati per mese

Le ore totali di informazione politica nel mese di gennaio sono state 427, un valore altissimo ma naturalmente in linea con le attese considerato il periodo di fervente campagna elettorale.
A fare la parte del leone nei telegiornali è il PdL, che da solo occupa un quarto del tempo complessivo, per un totale di 121 ore tra tutte le testate televisive. Secondo, ma nettamente staccato, è il PD, che con 90 ore si attesta poco sotto il 19%. Per i democratici il valore di per sé non sarebbe negativo, e indubbiamente vi sono stati mesi in cui la distanza tra PdL e PD in termini di passaggi nei TG sono stati anche abbondantemente più ampli, ma in periodo di campagna elettorale 31 ore di differenza in un mese, circa un'ora al giorno, sono un valore estremamente significativo.
Scelta Civica è il terzo partito nei TG, con poco meno di 80 ore ed il 16%, mentre di gran lunga più staccato è il M5S con circa 25 ore ed il 5%. All'incirca allo stesso livello della formazione grillina si posizionano SEL e Lega Nord, quindi i principali alleati rispettivamente di PD e PdL.
Rispetto al risultato elettorale, quindi, si nota una netta sovraesposizione di PdL e SC, mentre tanto il PD quanto soprattutto il M5S risultano sottorappresentati in TV.

Dati AGCom gennaio 2013 aggregati per
area politico-culturale

Dati AGCom 2013 aggregati per
area politico-culturale

Passando dal dettaglio dei singoli partiti a quello delle coalizioni, il gap già molto ampio tra PdL e PD si allarga ulteriormente considerando gli altri partiti che compongono le rispettive coalizioni, arrivando a sfiorare il 10%, pari ad una differenza di 41 ore. Il centrodestra supera il 33% (un terzo del tempo complessivo) mentre IBC nel suo complesso arriva al 25%; in sostanza, il solo PdL ha avuto a disposizione nei telegiornali lo stesso tempo avuto dall'intero centrosinistra.
Passando al dettaglio delle altre coalizioni, Scelta Civica si posiziona poco sotto IBC con il 22%, mentre staccatissimi sono il M5S (6%) e RC (5%).

Esaminando il dettaglio delle singole testate, si possono considerare maggiormente schierate con il centrodestra Studio Aperto e TG5, con Monti TG1 e SkyTG24, con IBC Studio Aperto e TG1, con Ingroia MTV News e Rainews e infine con il M5S MTV News e SkyTG24. Si tratta in effetti di una strutturazione piuttosto insolita nella distribuzione del tempo politico, che vede ripetuti due volti molti telegiornali, quasi come se ciascuna testata avesse voluto privilegiare non una ma due formazioni, nell'ottica - spesso interessata - di creare contrapposizioni a due che per motivi elettorali svantaggiassero le forze escluse.

Dati AGCom gennaio 2013 aggregati per
Istituzioni - Maggioranza - Opposizione

Dati AGCom 2013 aggregati per
Istituzioni - Maggioranza - Opposizione

Osservando invece i dati legati al posizionamento delle forze politiche, emerge con fora la schiacciante maggioranza di quelle formazioni che sono poi andate a formare il Governo letta, con 313 ore complessive, pari al 69% circa. Si tratta di una percentuale esorbitante, certamente comprensibile in un momento in cui tali forze erano da ritenersi ancora rivali, ma senza dubbio profetica in quella che si sarebbe poi rivelata la formazione di governo.

A livello di testate, sono state MTV News e Rainews a destinare il maggior spazio a quelle forze che avrebbero poi costituito l'attuale opposizione al Governo Letta, anche se da motivi opposti, la prima dando particolare spazio a SEL e Lega, la seconda puntando piuttosto su MoVimento 5 Stelle e Rivoluzione Civile.

Ciò che emerge dall'analisi di questo primo mese del 2013 è comunque uno scenario televisivo dominato nel bene e nel male dal centrodestra, che ha avuto ore e ore di surplus rispetto a qualsiasi altra coalizione: una decina di punti percentuali di vantaggio sul centrosinistra, infatti, in un mese con oltre 400 ore di informazione politica, è un valore estremamente rilevante anche a livello assoluto, e non solo a livello relativo.
Piuttosto interessante è il distacco tra centrodestra e centrosinistra aggregando le testate: 14 ore di differenza nelle reti RAI (15%), 15 ore e mezza nelle reti Mediaset (11%), 4 ore nelle reti Telecom (9%), 9 ore su Sky (7%). È quindi prevalentemente in RAI e non in Mediaset come si potrebbe erroneamente pensare che si è consumato il principale squilibrio mediatico a favore di Berlusconi e della sua coalizione, a riprova della profonda influenza che gli anni di governo del Cavaliere hanno avuto sulla televisione pubblica.
Quanto alle altre coalizioni, il centro montiano ha avuto risultati non eccessivamente distanti da quelli del centrosinistra, quindi non lo si può definire sacrificato in senso assoluto; sacrificati sono stati invece Rivoluzione Civile e MoVimento 5 Stelle, che però spesso ha utilizzato la carta della lontananza dalla TV come arma elettorale, anziché subirla... e con ottimi risultati.
La televisione italiana, persino in un momento stringente come la campagna elettorale per le politiche, si dimostra una volta di più territorio berlusconiano. Chi ha saputo dimostrare di poter sfruttare vie alternative al consenso è stato premiato, chi si è ostinato a sfidare il Cavaliere sul suo terreno di gioco - senza nemmeno aver tentato di cambiare le regole del gioco riformando il sistema televisivo quando ne aveva l'occasione - ne è uscito con le ossa rotte.
Related Posts with Thumbnails